NOTIZIE DALL'EUROPA

<!-- INIZIO obiettivoeuropa.it -->
<iframe src="http://www.obiettivoeuropa.it/news_260x130.php" width="260" height="130" scrolling=no
frameborder=0 leftmargin="0" topmargin="0" marginwidth="0" marginheight="0"></iframe>
<!-- FINE obiettivoeuropa.it -->

NOTIZIE VARIE

Convegno Nazionale
“ LA DISPARITA’ SALARIALE”
 PAY GAP
Politiche e interventi legislativi

ROMA  - 29 MAGGIO 2015

Ore 9,30

UFFICIO DEL PARLAMENTO EUROPEO

Sede di ROMA

SALA DELLE BANDIERE

Via Quattro Novembre, 149 

    PROGRAMMA

Saluti e apertura lavori

Dott.ssa Anna Di Domenico Lamarca

Presidente Nazionale FIDAPA – BPW Italy

Dott.ssa Roberta Quadrini

Direzione Generale Parlamento Europeo

Ufficio d’informazione in Italia

Interventi

Avv. Eufemia Ippolito

Past Presidente Nazionale FIDAPA-BPW Italy

Rappresentante BPW presso il Consiglio d’Europa

Dr. Henrike von Platen

Presidente Nazionale  BPW Germany

Dott.ssa  Giuseppina Bombaci

Past Presidente Nazionale FIDAPA-BPW Italy

Segretaria Coordinamento Europeo BPW

Dott.ssa Monica Parrella

Ministero Pari Opportunità

Direzione Generale Presidenza del Consiglio

Dott. Franco Rina

Giornalista la 7

Direttore CinemadaMare

Avv. Maria Grazia Masella

Opinionista RAI

Conclusioni

On Barbara Pollastrini

Commissione Affari Costituzionali della Presidenza del Consiglio e Interni

Dott.ssa Anna Di Domenico Lamarca

Presidente Nazionale FIDAPA-BPW Italy

FRANCA BENEDUSI SOCIA DELLA SEZIONE DI ALBA HA PUBBLICATO UN NUOVO LIBRO

"IL MIO NOME E' DANIELA" SCRIVE L'EDITORE:

Il mio nome è Daniela” nasce da un incontro casuale su una spiaggia ligure. Due sconosciute si avvicinano, si conoscono, si piacciono. Nasce un’ amicizia, nasce la voglia di raccontarsi. Il romanzo è costituito dalle confessioni di Pina e Daniela, le loro vite, le gioie, le speranze, i drammi di tutta un’ esistenza. Un’ avvincente storia di donne, protagoniste e vittime di un mondo spesso senza pietà.

LOMBARDIA. ASSEGNATA LA SECONDA EDIZIONE DEL PREMIO DONNA 2015 ALLA PROF.SSA ENRICA MORRA E ALLA DOTT.SSA ANTONETTA CARRABS

MARIO MANTOVANI: “UN PREMIO ALL’INGEGNO DI DUE DONNE SEMPRE IN PRIMA FILA NELLA CURA E NEL SOSTEGNO A CHI SOFFRE”

(mi-lorenteggio.com) Milano, 7 marzo 2015 - “Un premio a due donne che hanno ottenuto importanti risultati nell’ambito della medicina e della cultura ma che soprattutto con la loro attività sono in prima fila ogni giorno nella cura e nel sostegno di chi soffre”.

Il Vice Presidente e Assessore alla Salute di Regione Lombardia Mario Mantovani ideatore dell’iniziativa questa sera insieme all’On.le Elena Centemero, in una cornice di oltre 500 partecipanti, consegnerà il Premio Donna 2015, alla Prof.ssa Enrica Morra e alla dott.ssa Antonetta Carrabs.

La seconda edizione dell’evento, sarà presentata da Cesare Cadeo, e si svolgerà presso l’Agriturismo di Lainate alla presenza di famosi ospiti del mondo dello spettacolo come Francesco Rizzuto comico di Zelig.
La prof.ssa Enrica Morra è primario emerito del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia dell’Ospedale Niguarda di Milano, ha ricevuto lo scorso anno a Londra il “Jan Gosta Waldenstrom Award”, prestigioso riconoscimento per l’impegno profuso a favore del progresso scientifico nella lotta contro la Macroglobulinemia di Waldenstrom. Docente in Ematologia prima all’Università di Pavia e poi presso l’Università di Milano, è dal 2008 Responsabile Scientifico della Rete Ematologia Lombarda.

Mentre la dott.ssa Antonetta Carrabs poetessa, scrittrice, editore, insegnante, è Presidente dell’Associazione Culturale Umanitaria Zeroconfini, della Casa della Poesia di Monza, della Consulta di Monza e Brianza per la Cultura e i Beni Culturali. Negli anni ha realizzato moltissimi progetti dove, grazie all’arte, alla poesia, alla lettura e alla cultura, ha concretamente aiutato migliaia di persone nell’affrontare situazioni di disagio, marginalità e difficoltà.

“Con questo premio – ha concluso il Vice Presidente Mantovani – intendiamo inviare anche un applauso simbolico a tutte quelle donne che quotidianamente contribuiscono a fare grande la nostra Regione attraverso il loro impegno. Sono una risorsa preziosa di cui essere orgogliosi”.



Fabiola Gianotti nuovo direttore Cern: 'Lavorero' per la pace'

Prima donna a capo laboratorio europeo di fisica delle particelle

05 novembre, 14:27
Fabiola Gianotti è direttore generale del Cern (fonte: Claudia Marcelloni)Fabiola Gianotti è direttore generale del Cern (fonte: Claudia Marcelloni)

L'italiana Fabiola Gianotti è stata nominata direttore generale del Cern di Ginevra. 52 anni, nata a Roma e ha studiato a Milano, è stata fra i protagonisti della scoperta del bosone di Higgs.

Gianotti è la prima donna a guidare il Cern nei 60 anni di storia del laboratorio europeo. Succede a Rolf-Dieter Heuer, che ha ricoperto la carica dal 2009, affiancato da Sergio Bertolucci come direttore della Ricerca. E' stata nominata dal Director General Search Committee del Cern.
Gli altri due fisici in corsa per la direzione erano il britannico Terry Wyatt, dell'universita' di Manchester, e l'olandese Frank Linde, direttore dell'Istituto nazionale di fisica subatomica (Nikhef) di Amsterdam.

Per la terza volta un direttore italiano al Cern
Con la nomina di Fabiola Gianotti per la terza volta un italiano è alla direzione generale del più importante laboratorio di fisica delle particelle a livello internazionale.
Dopo il contributo fondamentale di Edoardo Amaldi, il 'ragazzo di via Panisperna' che è stato tra i padri fondatori del Cern, il Nobel Carlo Rubbia è stato il primo direttore italiano del Cern, dal 1989 al 1994. A distanza di cinque anni è stata la seconda volta di un italiano, con il fisico Luciano Maiani, direttore generale dal 1999 al 2003.

Dal bosone di Higgs alla classifica dei personaggi dell'anno stilata da Time
Nata a Roma nel 1962 da padre piemontese e madre siciliana, Fabiola Gianotti ha studiato Fisica nell'università di Milano, dove nel 1989 ha conseguito il dottorato di ricerca in fisica sperimentale subnucleare. In seguito è stata borsista dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).
Dal 1987 lavora al Cern, dove dal 1994 è fisico di ricerca nel Physics Department. Si è occupata della ricerca, dello sviluppo e della costruzione di rivelatori, così come dello sviluppo di software e di analisi di dati. 

Ha lavorato agli esperimenti UA2, Aleph e Atlas, del quale è stata coordinatrice internazionale dal 2009 al 2013. Proprio l'esperimento Atlas ha fornito i dati che hanno portato a scoprire il bosone di Higgs, insieme all'esperimento Cms. Proprio come coordinatore dell'esperimento Atlas, il 4 luglio 2012 Gianotti ha annunciato la scoperta del bosone di Higgs, attesa da decenni dal mondo scientifico. Lo ha fatto accanto a Peter Higgs, 'papà' della teoria che ha previsto l'esistenza della particella grazie alla quale esiste la massa.

E' stata una scoperta da Nobel, per la quale sono stati premiati lo stesso Higgs e il collega Francois Englert e, per la prima volta nella storia del Nobel, ha meritato una menzione un'istituzione di ricerca, come il Cern.
Numerosi, infine, i riconoscimenti italiani a Fabiola Gianotti, come tra cui la nomina a Commendatore della Repubblica da parte del Presidente Giorgio Napolitano, nel febbraio 2009, e nel settembre 2013 a Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA